PRODICO di CEO

 

Per tornare alla home page clicca qui

Per passare alla lettura della mia traduzione della Favola di Prodico ovvero 'Ercole al bivio' clicca qui

Un breve accenno alla vita di Prodico e all'argomento della sua Favola

Molto celebre e molto citata già nell’antichità, questa ‘Favola di Prodico’ ci è pervenuta unicamente nella redazione che ne fece Senofonte intorno al 385 a.C., e che oggi è parte del I° Capitolo del II° Libro dei suoi ‘Memorabilia’.
Prodico era nato a Ceo (oggi Kea), l’isola delle Cicladi più vicina all’Attica. Contemporaneo di Socrate, il suo ingegno e la sua eloquenza destarono grandissima ammirazione sia in Atene che nelle altre città greche, e tale fu la sua fama che l’espressione ‘più sapiente di Prodico’ fu allora ritenuta sinonimo di qualcosa d’impossibile.
La Favola ha per protagonista Eracle giovanetto, incerto tra la virtù e il vizio che gli si presentano sotto forma di due donne. È difficile trovare in essa altro merito che quello di introdurre, senza dubbio con grazia ed adorabile ingenuità, deboli argomenti retorici e assai vagamente pre-stoici a favore della scelta della virtù.
La Traduzione in Italiano che qui presento è stata da me condotta sul testo pubblicato nella Loeb Classical Library: ‘Xenophon’  Vol. IV ‘Memorabilia, Oeconomicus, Symposium, Apology’, Harvard University Press 1979.

 

 

 

 

 

 

 

 
Copyright (c) 2006 My Education Website. All rights reserved.