Epitteto:
vita, filosofia, opere

 

Epitteto

Possa a me accadere di morire mentre di null'altro sono sollecito che della mia proairesi, capace di dominare le passioni, non soggetto ad impedimenti o costrizioni, libero.

Per tornare alla homepage clicca qui

LA VITA DI EPITTETO

Ne sappiamo così poco che la storia è presto detta.
Epitteto visse tra la metà del I e l'inizio del II secolo d.C., essendo contemporaneo di Plutarco e di Tacito.
Nel 69 d.C. vide bruciare il Campidoglio a Roma. Allora aveva circa vent'anni.
Era nato a Ierapoli, in Frigia. Oggi Ierapoli è in Turchia e si chiama Pamukkale. Le rovine dell'antica città si trovano su un magnifico pianoro che si affaccia sulla valle di Denizli e sono sparse intorno alla più splendida piscina naturale di acque termali calde che io abbia trovato al mondo. Immergetevi in quell'acqua e forse capirete che il precetto Stoico è non: "Vivere secondo natura", che è una pura tautologia priva di qualunque senso; bensì quello di "Vivere in modo ammissibile con la natura delle cose". E qual è "la natura delle cose"? La natura delle cose è la loro essenziale bipartizione in cose proairetiche e in cose aproairetiche. Per capire il significato di questa fondamentale distinzione, o diairesi, dovrete però abbandonare la vostra presunzione di conoscerla già e/o la vostra sfiducia di arrivare a comprenderla. A questo scopo sarà opportuno che vi immergiate una seconda volta in quell'acqua stupenda e può darsi che possiate cominciare finalmente a capire dello Stoicismo più di quanto immaginate. Sono sicuro che anche Epitteto amava sguazzarci dentro.
Ma torniamo a noi. La madre di Epitteto era schiava. Lui stesso rimase schiavo per molti anni. Si racconta che fosse comperato da Epafrodito, un segretario dell'imperatore Nerone.
Da giovinetto, un maestro di scuola -come penso io- lo azzoppò. Ma siete autorizzati a credere altro, perché in proposito le interpretazioni degli eruditi sono contrastanti. A Roma seguì le lezioni di Musonio Rufo, il più celebre filosofo Stoico dell'epoca.
Quando Domiziano, nel 90 circa d.C., cercò di fare piazza pulita delle teste pensanti della capitale, Epitteto si trasferì in Grecia, a Nicopoli. Qui aprì una scuola ed insegnò per molto tempo e con grande successo.
Non ebbe figli, ma in età avanzata prese una moglie che badasse ad allevare un bambino che aveva adottato.
Epitteto non si preoccupò mai di scrivere alcunché per la pubblicazione. Un suo discepolo, di nome Arriano, prendeva appunti alle lezioni e ne fece delle dispense. Queste, in parte, sono giunte fino a noi.
Nulla sappiamo della sua morte, ma Epitteto stesso ci ha consegnato, nel Libro III 5,7-11 e nel Libro IV 10,14-17 delle 'Diatribe', le parole che avrebbe pensato in quei momenti.

 

LA FILOSOFIA DI EPITTETO

Conoscere i principi generali. Comprendere l'uso delle rappresentazioni. Tragittarsela in armonia con la natura delle cose.

Tutta la filosofia di Epitteto può essere riassunta in un sostantivo solo: 'Diairesi'.
Com’è possibile avvicinare a tanta profondità e a tanta semplicità chi fa il suo primo incontro con la Diairesi? E' possibile evitare di battere la strada del saggio erudito? Mi sono risposto: “E' possibile a patto di fare quello che hanno fatto Socrate ed Epitteto stesso, ossia praticando la forma dialogica”.
Siccome io sono un uomo fortunato, il caso ha voluto che incontrassi una persona che non aveva mai sentito parlare né di Epitteto né di Stoicismo né di Proairesi né di Diairesi. Dopo avere letto la mia traduzione, ella mi ha confidato: "Mi trovo finalmente davanti ad una filosofia che mi affascina e che intuisco capace di dare risposte solide e chiare alle domande che assillano tutti noi. Sono però piena di dubbi e, non capendo o non condividendo alcune delle affermazioni lette, ti chiedo di prenderle in esame e di discuterne anche dal 'mio' punto di vista".
Chi si avvia verso L'ALBERO DELLA DIAIRESI corre sempre il rischio di cadere in qualcuno dei burroni che costeggiano l'aspro sentiero sul quale si è incamminato. Per questo motivo io ho dato ben volentieri la mano che mi era richiesta e dalle nostre discussioni sono nati cinque 'Dialoghi', i quali possono essere considerati altrettante 'introduzioni' alla filosofia di Epitteto.

 

LA FILOSOFIA STOICA DI EPITTETO IN CINQUE DIALOGHI

Chi dunque non avesse tempo o voglia di affrontare direttamente i testi di Epitteto potrà trarre profitto dalla lettura di cinque dialoghi nei quali ho esposto la filosofia stoica di Epitteto in forma discorsiva e drammatica, secondo il modello dell’insegnamento socratico.

La pagina dedicata ad una breve presentazione deI cinque dialoghi è accessibile cliccando qui.



IL TESTO DI EPITTETO

La mia traduzione italiana della 'Opera omnia' di Epitteto ha per titolo 'L'ALBERO DELLA DIAIRESI'. Essa si compone di sei unità: quattro libri di 'Diatribe', i 'Frammenti', il 'Manuale'.

1) Libro I delle 'Diatribe'
"Uomo, tu hai una proairesi per natura non soggetta ad impedimenti e non soggetta a costrizioni. Qui, nelle viscere, questo è stato scritto". (I,17,21)
Il Libro I consta di trenta capitoli.

2) Libro II delle 'Diatribe'
"Tu soltanto ricordati di quella diairesi grazie alla quale si definisce quanto è in tuo esclusivo potere e quanto non lo è". (II,6,24)
Il Libro II consta di ventisei capitoli.

3) Libro III delle 'Diatribe'
"Che gran cosa è poter dire a se stessi: ciò di cui gli altri parlano solennemente nelle scuole reputando di dire paradossi, io lo realizzo. Seduti, essi spiegano le mie virtù e ricercano su di me, inneggiano a me". (III,24,111)
Il Libro III consta di ventisei capitoli.

4) Libro IV delle 'Diatribe'
"Perché dunque dicevi che è un uomo? Giacché si giudica forse ciascun essere dalla mera conformazione? Dacché, così, dì che anche quella di cera è una mela. Deve anche averne la fragranza ed il gusto, non basta il connotato esteriore. Neppure naso ed occhi sono dunque adeguati a fare l'uomo, se non avrà giudizi da uomo". (IV,5,19-20)
Il Libro IV consta di tredici capitoli.

5) I 'Frammenti'
"E' d'uopo sapere che un giudizio non diventa facilmente presente ad una persona se uno i medesimi giudizi ogni giorno non dicesse e sentisse dire ed insieme usasse per vivere". (Fr. XVI)
I 'Frammenti' di sicura attribuzione vanno dal numero I al numero XXVIIIb.
I 'Frammenti' dubbi e spuri vanno dal numero XXIX al numero XXXVI.

6) Il 'Manuale'
"Se qualcuno delegasse il tuo corpo a chi ti viene incontro, ne fremeresti. E che tu deleghi la tua intelligenza a chi capita affinché, se sarai ingiuriato, essa ne sia sconcertata e confusa: per questo non ti vergogni?" (Manuale, 28)
Il 'Manuale' consta di cinquantatré capitoli.

Tutti i testi citati sono accessibili su questo sito in traduzione italiana, cliccando il link 'L'ALBERO DELLA DIAIRESI'.

 

LA TRADUZIONE DI EPITTETO

Con il titolo 'L'ALBERO DELLA DIAIRESI', ho tradotto di Epitteto tutto quanto ci è pervenuto: i quattro libri delle 'Diatribe', i 'Frammenti' ed il 'Manuale'.
Le traduzioni in italiano dell' 'Opera omnia' di questo filosofo stoico erano sino ad oggi soltanto due:
(1) 'Epitteto. Le Diatribe e i Frammenti' a cura di R. Laurenti, Laterza, Bari 1960
(2) 'Epitteto. Diatribe, Manuale, Frammenti' con introduzione di G. Reale e traduzione di C. Cassanmagnago, Rusconi, Milano 1982.
La mia traduzione si aggiunge ora alle due citate ed ha la caratteristica di essere un eBook reperibile, per ora, soltanto sul web.

Il testo da me tradotto è sostanzialmente quello curato da W.A. Oldfather e pubblicato in due volumi dalla Loeb Classical Library (in più edizioni) con il titolo: 'Epictetus. The discourses as reported by Arrian, the Manual and Fragments’.

Chi se ne intende capirà ben presto di non avere a che fare con un filologo. Non mi sono curato di deprimermi né sulla bibliografia né sulla letteratura critica né sui commentari in argomento. Non ho difficoltà ad ammetterlo: se fossi un filologo non mi sarei mai messo all'impresa di tradurre. Avendola invece portata a termine, e nel giro di diversi anni di impegno quotidiano, vorrà dire che mi interessava qualcos'altro.
Ma anche chi di filologia non s'intende mi auguro capirà ben presto come la mia traduzione eviti lo stupro  cristiano che il testo di Epitteto è stato finora costretto a subire e lo rispetti nell'orizzonte materialistico, panteistico, monistico proprio della Stoa antica e che è anche naturalmente mio.

Il carattere particolare della traduzione che io presento risiede nell'essere stata condotta con un costante e rigoroso riscontro dell'Index Verborum compreso nell'edizione critica di Epitteto curata da H. Schenkl (1965).
Basandomi su di esso, ho cercato innanzitutto di dare ad ogni parola greca (sostantivo, aggettivo o forma verbale, ecc. che fosse) uno od il minor numero possibile di significati compatibili con i vari contesti e poi di conservare anche nella traduzione il numero di presenze che la parola ha nel testo greco. Giudico l'operazione, con una certa qual mia sorpresa ed anche, devo dire, soddisfazione, sostanzialmente riuscita. Rimane ovvio che tutti gli errori sono miei e che chi me li segnalasse mi farebbe cosa oltremodo gradita.

Cosa significa tradurre in lingua italiana un testo in greco antico sulla base dell’Index Verborum? Significa innanzitutto partire dalla presunzione, o se volete dalla scommessa, che la lingua italiana abbia una struttura ed una dovizia di vocaboli sufficienti a restituire con accettabile approssimazione le forme e i panneggi dell’abito confezionato nell’antichità. Possiamo paragonarla, insomma, ad un’impresa di alta moda. Io mi sono ovviamente servito dell’aiuto di un gran numero di traduzioni in italiano, in inglese e in francese per superare le numerose incertezze e i frequenti scogli che il testo di Epitteto presenta, e posso dunque parlare al riguardo con conoscenza di causa delle modeste o modestissime sartine -absit iniuria verbis- nelle quali mi sono imbattuto. Non desiderando fare nomi, mi spiegherò con un esempio preso da un testo che invece assolutamente tutti conoscono, dotato di un’autorità senza paragoni e che rappresenta dunque un caso ancora più grave. L’esempio è tratto dal testo ‘La Sacra Bibbia’, Traduzione dai testi originali, Edizioni Paoline, 1964 ed è questo:
**Do per buona la citazione di Luca 19, 41, che fa il paio con quella di Giovanni 11, 35.
In entrambi i casi la traduzione italiana del testo del Vangelo usa il verbo ‘piangere’. Gesù dunque pianse due volte sole in vita sua: una su Lazzaro che poi avrebbe risuscitato e, più tardi, alla vista di Gerusalemme.
Ma le cose stanno veramente così?
Tralascio di parlare della traduzione latina di S. Gerolamo. Cosa è scritto nel testo greco?
In Giovanni 11, 35 il testo greco è questo:  “Edàkrusen o Iesùs”. Il verbo “dakrùo” vuol dire propriamente “versare lacrime” e “dàkru” è infatti il sostantivo greco che indica la “lacrima”. Dunque siamo ampiamente autorizzati a tradurre “Gesù pianse” (versando lacrime).
In Luca 19, 41 il testo greco è il seguente: “Kai òs énghisen, idòn tèn pòlin éklausen ep’autèn”, che si può tradurre: “E quando si avvicinò, guardando la città (Gerusalemme) éklausen su di essa”.
Tutti capiscono che il verbo “klàio” non è il verbo “dakrùo”, meno i traduttori in italiano dei Vangeli, che traducono per sentito dire, per pigrizia, con disprezzo dei lettori i quali, tanto, non si accorgeranno di nulla.
Il verbo “klàio”  è usato in greco per indicare qualunque espressione sonora di dolore o di afflizione che può, ma può anche non, essere accompagnata dalle lacrime. Io lo tradurrei con un verbo come “singhiozzare”, “rompere in alti lamenti”. Si può piangere in silenzio ma non si può “klàiein” in silenzio. Si può “klàiein” senza versare lacrime ma non si può  fare altrettanto se si piange.
Ne concludo che in Giovanni il testo greco si propone di sottolineare il silenzioso scorrere delle lacrime sul volto di Gesù e tutta l’intimità della sua pena in un ambiente familiare e raccolto.
In Luca, invece, il testo intende porre in evidenza tutta la sonorità e la spettacolarità di un lamento che è fatto davanti a un grande pubblico e per un grande pubblico. Esso sarà infatti immediatamente seguito dalla cacciata dei mercanti dal Tempio.**
Mi auguro di essermi spiegato.

Alcuni dei miei venticinque lettori, scorrendo la mia traduzione per la prima volta e trovandosi dinanzi a termini e concetti dei quali non hanno mai sentito parlare, rimangono sconcertati.
Io sono stato attentissimo a chiarire sempre, nei titoli dei paragrafi in cui ho suddiviso il testo, il significato delle nuove parole che mi è stato necessario introdurre e non ne ho lasciata alcuna orfana di una adeguata definizione. Mi sembra comunque opportuno riassumere qui brevemente alcuni dei chiarimenti che più spesso mi vengono richiesti.

*Il sostantivo 'theòs' singolare e plurale, con articolo e senza articolo, viene da me tradotto -a seconda del contesto- con i termini 'Zeus' oppure 'Materia Immortale' oppure 'dio' e 'dei' oppure 'Dio' e 'Dei'. I due termini 'Zeus' e 'Materia Immortale' sono essenzialmente equivalenti ed intercambiabili. La 'Materia' è sempre qualificata da me 'Immortale' perché l'evidenza e la ragione ci assicurano che è la sola ad esserlo. Zeus è il nome che Epitteto dà all'insieme di tutta la Materia Immortale dell'universo, ed egli non pensa mai minimamente a Zeus come ad un Dio personale e trascendente di tradizione giudeo-cristiana. Uso il termine 'dio' e 'dei' quando Epitteto intende una o alcune di quelle rappresentazioni generose, felicitanti, liberatorie ed aderenti alla natura delle cose di cui soltanto gli uomini sono padri. Uso invece il termine 'Dio' (in quattro casi) e 'Dei', quando è manifestamente riferito a persone che potrebbero benissimo condividere proprio quella rappresentazione infelice, gretta, schiavizzante, irrispettosa della natura delle cose, caratteristica dei monoteismi rivelati.

*Il sostantivo 'ànthropos' viene da me tradotto con 'uomo' soltanto in quei casi in cui Epitteto si riferisce a chi è virtuoso, ossia a chi ha imparato a giocare correttamente con diairesi ed antidiairesi. In tutti gli altri casi lo traduco, secondo le necessità di stile, con termini come 'essere umano' oppure 'persona' oppure ‘individuo’ oppure ‘gente’.

*Il sostantivo 'prònoia' viene sempre da me tradotto con 'mente della Materia Immortale'. Prònoia era un epiteto di Atena a Delfi e Delo. Basta pensare alla 'Materia Immortale' come sinonimo di Zeus ed alla 'mente' come Atena per rendersi conto della semplicità e della precisione del mito antico che di lei racconta la nascita. E nulla è più alieno ad Epitteto ed a me della rappresentazione di una cristiana Provvidenza trascendente.

*Il sostantivo 'fùsis', oltre al normale significato di 'natura', ha spesso nel testo il significato più tecnico di 'natura delle cose' ed in tal modo è stato da me tradotto dove necessario. Epitteto sa benissimo quanto sia facile equivocare in proposito, spacciando per 'natura' quelli che invece sono dei semplici 'modelli culturali', e si guarda bene dal farlo. Se non esiste una 'natura', egli afferma però con estrema decisione che esiste una 'natura delle cose' e che questa è invariante, inviolabile e valida per tutti senza eccezioni. La 'natura delle cose' è appunto la loro essenziale bipartizione in cose che sono in nostro esclusivo potere ed in cose che non sono in nostro esclusivo potere.

*Il sostantivo 'paidèia' quasi mai è reso da me con il semplice termine 'educazione', perché si presterebbe agli stessi equivoci che citavo a proposito del termine 'natura'. Esso è invece più spesso qualificato nella mia traduzione come 'educazione all'uso della diairesi' in quanto questa è la sola interpretazione, a mio parere, coerente con l'impianto generale della filosofia di Epitteto, ed è anche chiaramente lo scopo che egli si dà e ribadisce di sé come educatore.

*Il verbo 'thélo' viene tradotto da me con 'volere' esclusivamente in quei casi in cui Epitteto si diverte ad usarlo con ironia o lo mette in bocca a persone che, come si dice, non sanno bene quello che vogliono. Epitteto è fermissimo nel ribadire costantemente che 'noi siamo i nostri giudizi' ed il concetto di 'volontà' gli è, giustamente, più che estraneo del tutto inutile. Salvo pochi casi, ho dunque sempre tradotto questo verbo con l'italiano 'disporre', che a mio parere incorpora una preziosa accezione di atto dell'intelletto, utile a rispettare la contrarietà di Epitteto a chiacchierare di una presunta contraddizione nell’uomo tra teoria e prassi.

'L'ALBERO DELLA DIAIRESI' è stato scritto, nel corso di molti anni, a Pamukkale (Turchia), Aleppo (Siria), Londra (Gran Bretagna), Torino (Italia), Washington (USA), Port Blair (Isole Andamane, India), Diu (India), Olimpia (Grecia).

La mia traduzione in Italiano di tutta l'opera di Epitteto è accessibile anche in forma cartacea. Si tratta di due volumi ai quali ho dato il titolo:

Philosophia felicitans

Cliccando su ciascuna di queste due copertine, si viene automaticamente connessi alla pagina del sito che contiene la scheda del libro, che ne consente l'eventuale acquisto e che permette la lettura on-line delle sue prime pagine.

Epitteto Vol. I

Epitteto Vol. II

 

 

 

 

 

 
 
Epictetus:
life, philosophy, works

Amerenglish

As for me, may it happen that I am seized while nothing else I am taking care of but my proairesis, that it may be self-controlled, unhampered, unconstrained, free.

To go back to the homepage click here

A SHORT BIOGRAPHICAL NOTE ON EPICTETUS

We know so few details about Epictetus’ life that the story is quickly told.
Epictetus lived between the second half of the first century and the first half of the second century a. C. He was a contemporary of Plutarch and of Tacitus.
In 69 a. C. he saw the burning of the Capitol in Rome. He was, at that time, more or less twenty years old.
Epictetus was born at Hierapolis, in Phrygia. Hierapolis is today in Turkey, and its new name is Pamukkale. The ruins of the ancient town are still there, on a magnificent plateau overlooking the Denizli valley, and are scattered around the most marvellous natural swimming pool of warm thermal waters that I have found in the world. Plunge into that water and you will understand, for example, that the Stoic precept is not one of ‘living in accord with nature’, simply because you will quickly realize that neither a stone, nor a vegetable, nor an animal, nor a man, and not even the worst criminal can live ‘against nature’. The Stoic precept is, instead, the one of ‘living in accord with the nature of things ’. And which is, then, the nature of things ? The nature of things is their essential bipartition in things that are in our exclusive power, the so called ‘proairetic things’; and things that are not in our exclusive power, the so called ‘aproairetic things’. In order to grasp the meaning of this basic and fundamental distinction, or ‘diairesis’, you must however abandon any assumption of already knowing it and any distrust in your ability to understand it. At this point it will be very useful for you to plunge into that warm water for a second time and you will perhaps understand about Stoicism more than you can imagine. I am absolutely sure that, during his childhood, Epictetus too liked to wallow in it.
But let’s come back to our story. The mother of Epictetus was of slave condition. Epictetus himself was born slave, and remained in slave condition for many years before coming to Rome. At some time he was bought and owned by Epaphroditus, the powerful freedman and secretary of the Emperor Nero.
When he was young a schoolmaster –as I think- crippled him. But you can believe something else because, with respect to his lameness, the interpretations of the scholars are conflicting. In Rome he was a pupil of Musonius Rufus, the most famous Stoic philosopher of that age.
When the emperor Domitian, around 90 a. C., banished all the philosophers from Rome, Epictetus went to Greece and settled in Nicopolis. Here he opened a school and taught for many years and with a large success.
He had no sons, but in his old age he took a wife to help him to take care of a little child he had adopted.
Epictetus wrote nothing for publication, but one of his pupils, Flavius Arrian, took notes at the lectures and wrote down the books that have survived till now.
We know nothing about Epictetus’ death. Yet in Book III 5,7-11 and in Book IV, 10, 14-17, he himself has left us the words that he would have thought in those moments.

THE PHILOSOPHY OF EPICTETUS

This page contains a collection of five dialogues that explain the philosophy of Epictetus in a discoursive and dramatic form, according to the model of Socrates' teaching.

Three people meet in a small Greek island and discuss the following topics:

'Dialogue' I: -The Proairesis-
Proairesis is a key concept in the phylosophy of Epictetus. Proairesis is shown to be the human reason as our only faculty capable of assuming an attitude according to Diairesis or in contrast with it (that is according to Counterdiairesis).

The English traslation of this Dialogue is now available by clicking here

'Dialogue'  II: -Medea: Diairesis, Antidiairesis and the mysterious judge-
The well known story of Medea is told and analyzed in order to understand in depth the way that all human Proairesis work. It is shown that human Proairesis is home to:
1) a Superjudgement called Diairesis
2) a 'mysterious judge' which will later (in the fifth dialogue) shown to be a Superjudgement that can be called Counterdiairesis
3) a huge class of ordinary judgements that can be collected under the general name of Antidiairesis.

The English translation of this Dialogue is now available by clicking here

'Dialogue' III: -The Diairesis at work-
The dialogue shows that conscious human life is a continuous stream of Antidiairesis at the orders of either Diairesis or Counterdiairesis.

The English translation of this Dialogue is now available by clicking here

'Dialogue' IV: -The Stoic precept is not that of 'living according to nature' but that of 'living according to the nature of things'-
Living in accord with 'nature' means perfectly nothing, simply because it's impossible to live ‘against nature’. Instead, the dialogue shows that men can live in accord with the 'nature of things' or in contrast with it. It is shown that the nature of things exist, is invariant like the speed of light in Physics, and is valid for all human being without exception.

The English translation of this Dialogue is now available by clicking here

'Dialogue'  V: -Giges: Diairesis and Counterdiairesis, Good and Evil-
The story of Giges is told according to Herodotus and analyzed so as to show that 'good' and 'evil' indeed exist and what they are.

The English translation of this dialogue is now available by clicking here

These five dialogues on the philosphy of Epictetus are also available in a single PDF by clicking here

 

THE TEXT OF EPICTETUS

With the title ‘THE DIAIRESIS TREE’, the complete text of my English translation of Epictetus is made up of six units: the four books of the ‘Discourses’, the ‘Fragments’ and the ‘Handbook’.

1) Book I of the 'Discourses'
‘Man, you have a proairesis by nature unhampered and unconstrained. Here, in the entrails, this has been written’. (I,17,21)
Book I consists of thirty chapters.

2) Book II of the 'Discourses'
‘You only remember of that diairesis according to which a boundary is drawn between what is and what is not in your exclusive power’. (II,6,24)
Book II consists of twenty-six chapters.

3) Book III of the 'Discourses'
‘What a great thing is to be able to say to oneself: "What now the others talk solemnly about in the schools thinking to say paradoxes, this I actually bring to completion. Sitting, they comment upon my virtues and inquire about me, they sing a hymn of praise to me’. (III,24,111)
Book III consists of twenty-six chapters.

4) Book IV of the 'Discourses'
‘Why, then, do you say that he is a man? For is perhaps each being judged from its mere external appearance? Since, in this way, say that also a waxen apple is an apple. But it must also have the aroma and the taste of an apple, the external feature is not sufficient. Not even nose and eyes are, then, adequate to make a man, if he has not the judgements of a man’. (IV,5,19-20)
Book IV consists of thirteen chapters.

5) The 'Fragments'
‘It is compulsory to know that a judgement does not become easily present to a person unless he should every day say and hear the same judgements and at the same time use them for life’. (Fr. XVI)

6) The 'Handbook'
‘If someone handed over your body to anyone you meet, you would be vexed. And that you hand over your intelligence to any chance comer so that, if you are reviled, it is disconcerted and confused; for this are you not ashamed?’ (Handbook, 28)
The 'Handbook' consists of fifty-three chapters.

All the texts are freely available on this site in English translation by clicking on the link ''THE DIAIRESIS TREE'

THE TRANSLATION OF EPICTETUS

'And he seems always to be using the same terms for the same things; so that anyone inexpert and thoughtless might laugh his sentences to scorn' (Plato 'Symposium' 221E)

THE DIAIRESIS TREE’ is the name that I have given to my English translation of all the extant Greek works of Epictetus: the 4 books of the ‘Discourses’, the ‘Handbook’ and the ‘Fragments’.
The Greek text upon which my translation is based, is essentially the text prepared by W. A. Oldfather and published in two volumes (reprinted 1979) by the Loeb Classical Library, with the title: ‘Epictetus. The discourses as reported by Arrian, the Manual and Fragments’.

A Greek scholar will quickly realize that my approach to Epictetus is not a philological one. I have carefully avoided to deal, and depress myself accordingly, with matters like complete bibliography or extensive critical literature or scholia. There is no question about that. If I were a Greek scholar, I would have never undertaken the task of translating Epictetus. Since I brought this task to an end, and in the course of many years of daily work, the reason must be that I was interested in something else. At the same time I hope that also people unlearned in philological studies will quickly realize that my translation abstains from the Christian rape that the text of Epictetus has been up to now forced to endure, and that it takes a special care to respect the materialistic, pantheistic, monistic background which was a peculiar trait of the ancient Stoa.

The most distinctive feature of 'THE DIAIRESIS TREE' is the fact that my translation is strictly based upon the careful analysis of the ‘Index Verborum’ included in H. Schenkl’s critical edition of Epictetus (Teubner, 1965). Taking advantage of this Index, I have tried, in the first place, to be scrupulous in giving to each Greek word (noun, adjective or verbal form, etc.) one or the least possible number of meanings consistent with the different contexts in which they appear, and then to keep the number of its occurrences in my English translation consistent with the number of occurrences of the word in the Greek text. I think that this attempt, to my surprise and also -I must say- satisfaction, has been basically successful. It’s obvious that all the mistakes one can find are mine, and that I would appreciate very much any contribution that might help me to emend them.

Many people, reading my translation for the first time, find themselves faced with terms and concepts that they have never heard, and are disconcerted. I have taken the utmost care to always carefully define, in the titles of the hundreds of paragraphs in which I have subdivided the text, the meaning of each new word that I had to introduce. I think it useful, however, to briefly summarize here some of the explanations that are more frequently requested.

*According to the context, I translate the noun ‘theòs -singular and plural, with article and without article- with the words ‘Zeus’ and ‘Matter Immortal’; or ‘god’ and ‘gods’; or ‘God’ and  ‘Gods’. The words ‘Zeus’ and ‘Matter Immortal’ are basically equivalent and interchangeable. I always define Matter as Immortal, because reason and experimental evidence tell us that only Matter is endowed with this quality. Zeus is the name that Epictetus gives to the totality of Matter that makes up the universe, and he never fancies Zeus as a personal and transcending God of Judean-Christian tradition. I use the words ‘god’ and ‘gods’ when Epictetus means one or some of those generous, happy, liberating impressions that are respectful of the nature of things and of which only the men can be fathers. I use the word ‘God’ (in four places) and ‘Gods’, instead, when it is clearly referred to people who could very well share that unhappy, narrow-minded, enslaving impression that is disrespectful of the nature of things and which characterizes all revealed monotheisms.

*I translate the noun ‘ànthropos’  with the word ‘man’ only in those cases in which Epictetus refers to the one who is virtuous, that is to the one who has learned how to play correctly with diairesis and antidiairesis. In all the other cases I translate it, according to my style rules, with words like ‘human being’ or ‘person’ or ‘fellow’ or ‘people’.

*I translate the noun ‘prònoia’ with the term ‘Matter Immortal’s mind’. Athena was called and worshipped as ‘Pronoia’ both in Delphi and in Delos. If we think of Zeus as ‘Matter Immortal’ and of Athena as ‘mind’, we can easily understand the accuracy and the clearness of the ancient myth that tells us something about her birth. Few things can be more alien to Epictetus and to myself than the idea of a transcending and Christian Providence.

*The noun ‘fùsis’, besides its usual meaning of ‘nature’, takes very often in the present text the more technical meaning of ‘nature of things ’, and I have translated it in this way where I thought it necessary. This is a very important question because, together with the concepts of ‘Proairesis’ and of  ‘Diairesis’, this is one of the pillars of the philosophy of Epictetus that have been till now dramatically underestimated or completely disregarded by all translators in whatever language. Epictetus knows very well how easy it is to misunderstand this point and how big the danger is of passing off as ‘nature’ what is, on the contrary, a simple ‘cultural model’. He never plays this game. At the same time, he points out very firmly that we can and we must talk about the ‘nature of things ’, and he is adamant in telling us that ‘the nature of things ’ is invariant, inviolable and valid for all human beings without exceptions. The ‘nature of things ’ is, eventually, their essential bipartition in things that are in our exclusive power (‘proairetic things’) and things that are not in our exclusive power (‘aproairetic things’).

*I never translate the noun ‘paidèia’ with the simple word ‘education’, because this word could lead to the same misunderstandings that I mentioned for the word ‘nature’. I regularly translate it, instead, with the term ‘training to diairesis’ or ‘training to diairesize’, because this is the only interpretation that, in my opinion, is coherent with the general philosophical system of Epictetus and is also clearly the goal that he sets to himself as educator.
 
*I translate the verb ‘thélo’ with the verb ‘to want’, mostly in those cases in which Epictetus uses it ironically or makes fun of people who don’t know very well, as the saying goes, what they want. Epictetus is adamant in constantly reaffirming that we are ‘our judgements’ or ‘our proairesis’, so that the concept of ‘will’, although not unknown, is mostly useless to him. Except for few cases, I have therefore translated this verb with the English verb ‘to dispose’, a verb that, in my opinion, incorporates the precious meaning of an act of our intellect, useful to comply with the strong dislike of Epictetus for any chat about a presumed contradiction, in man, between theory and praxis.'

THE DIAIRESIS TREE has been written in Aluthgama (Sri Lanka), Singapore (Singapore), Pulau Pangkor (Malaysia), Bangkok (Thailand), Gili Trawangan (Indonesia), Paihia (New Zealand), Nadi (Fiji Islands), Lalomanu (Western Samoa), Ofu (American Samoa), Los Angeles (California, USA), Key West (Florida, USA), Turin (Italy), Athens (Greece).

 

 

 

 
 
 
Copyright (c) 2006 My Education Website. All rights reserved.