THE USELESS PAPERS

ADAM SMITH

‘Indagine sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni’

Per tornare alla home page clicca qui

 

ADAM SMITH


‘Indagine sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni’
Oscar Studio Mondadori, 1977, pag. 71-72

Libro I, Capitolo VIII: Del salario del lavoro

La Cina è stata a lungo uno dei paesi più ricchi, cioè più fertili, meglio coltivati, più industriosi e più popolosi del mondo. […] Marco Polo, che la visitò più di cinquecento anni fa, ne descrive le culture, l’attività e la popolazione più o meno negli stessi termini in cui la descrivono i viaggiatori del nostro tempo (seconda metà del 1700). La Cina aveva forse raggiunto, anche molto prima di quell’epoca, il pieno conseguimento della ricchezza consentita dalla natura delle sue leggi e istituzioni. I resoconti di tutti i viaggiatori, contraddittori sotto molti altri punti di vista, concordano sui bassi salari e sulle difficoltà che un lavoratore incontra in Cina per allevare una famiglia. Se zappando la terra per un giorno intero riesce a procurarsi quanto basta per comprarsi alla sera un po’ di riso, se ne accontenta. La condizione degli artigiani è, se possibile, ancora peggiore. Invece di starsene tranquillamente in bottega ad aspettare gli ordini dei clienti, come fanno in Europa, girano in continuazione per le strade con gli strumenti dei rispettivi mestieri offrendo i loro servizi e quasi mendicando il lavoro. La povertà dei ceti inferiori della società Cinese va molto al di là di quella delle più miserabili nazioni d’Europa. Si dice che nei sobborghi di Canton, molte centinaia e forse migliaia di famiglie non abbiano ricovero in terraferma, ma vivano abitualmente su barchette da pesca lungo i fiumi e i canali. Ricavano così poco da vivere, che ripescano avidamente i più schifosi rifiuti gettati fuori bordo dalle navi Europee. Una carogna, per esempio la carcassa di un cane o di un gatto morto, anche mezza putrida e puzzolente, da loro è bene accetta come dalla gente di altri paesi il cibo più sano. Il matrimonio in Cina è incoraggiato non dalla convenienza ad avere figli ma dal diritto di sopprimerli; tanto che in tutte le grandi città molti bambini vengono esposti ogni notte per strada, oppure vengono affogati nell’acqua come cagnolini. Si dice anzi che l’esecuzione di questo orrendo compito sia un mestiere riconosciuto con cui molta gente si guadagna da vivere.

 

 

 

 

 

 
Copyright (c) 2006 My Education Website. All rights reserved.